Nato a Firenze nel 1975 dove vive e lavora.
Dal 2005 al 2009 allievo di Roberto Bini da cui apprende la pittura classica di maniera. Dal 2009 allievo della scuola di pittura francese Martenot con sede a Firenze. Nel 2010 inizia la collaborazione con la Galleria del Teatro Romano di Fiesole dove partecipa a varie manifestazioni: la mostra collettiva presso la Sala del Basolato a Fiesole, la mostra collettiva presso l’Università Europea a San Domenico sempre a Fiesole, l’esposizione Arte Expo ad Arezzo.
Nel febbraio del 2011 espone con la esordiente a Settignano (Fiirenze) ed aprile è presente nello sto-rico Palazzo Inghirami di Prato nella mostra con Caterina Brezzo e Mariangela Bartoloni. Nello stesso mese la chiesa di Santo Stefano a Cornetole, nel comune di San Piero a Sieve, gli commissiona tavole della Via Crucis. Le sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private. Il critico d’arte Barbara Angiolini commenta le sue opere: “…le linee si spezzano e i colori salgono di tono…” è così che Car-lo Berti presenta la sua ultima evoluzione stilistica. Lasciandosi alle spalle chissà se in via definitiva, quella composizione naïf dalla grande finezza ed armonia compositiva realizzata da linee morbide ed ondulate, oggi Berti evolve la sua pittura “a plàt” in una disgregazione (prima) e in una ricomposizione geometrico-cromatica (poi) di forme dalle linee spigolose.
Sempre legato alla figura, egli fonda la sua nuova analisi sul concetto di dinamismo che, con un notevo-le valore strutturale e cromatico, risolve in un vortice ordinato di forme e di colori catturando nell’es-senzialità delle due dimensioni, la tridimensionalità dell’oggetto poco prima scomposto.

Siamo tutti sulla stessa barca, 2011 – acrilico su tela, cm 100×100
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento