Nato a Firenze, nel 1941 dove vive e lavora.
Si dedica fin da giovanissimo all’arte incoraggiato dal Prof. Margheri a portare avanti, da autodidatta, la sua passione per il disegno e la pittura.
Appena ventenne entra a far parte del gruppo GADA riscuotendo i primi successi e riconoscimenti. Nel 1968, in occasione della sua prima personale alla Casa di Dante, viene presentato in catalogo dal pitto-re Renzo Grazzini, i cui insegnamenti e amicizia saranno di grande importanza nella sua futura carriera. Appassionato di litografia, perfeziona questa tecnica sotto la guida del grande Lucio Venna e fin dalle prime produzioni scopre nuovi percorsi nel campo della composizione grafica e pittorica.
Nel 1975 è invitato alla X Quadriennale d’arte di Roma La Nuova Generazione e nel 1977 alla XXIII Bien-nale Internazionale Premio del Fiorino di Firenze.
Dopo anni di esperienze nel campo della ricerca ritrova, con un linguaggio fiabesco, paesaggi ed archi-tetture desunte dalla sua terra d’origine, le colline toscane, le antiche chiese, le casette medievali che si pongono al limite tra realtà storica e viaggio fantastico dove tutto perde la propria consistenza ma-terica a favore di una leggerezza magica, in particolar modo nelle sue ultime opere, avvolte da questa particolare atmosfera.
Durante la sua carriera artistica, oltre alle litografie, si dedica alle incisioni ed esegue alcune medaglie sportive, di cui una per il Museo del Calcio di Coverciano (Firenze), rappresentante Nereo Rocco ese-guita nel 1984 e una per il Museo del Bargello (Firenze) che raffigura Giorgio La Pira, eseguita per conto del gruppo Donatello di Firenze. Nel 1990 esegue quattro murales a Lizzano Pistoiese, uno a Firenze in piazza Vasari e uno di 20×3,30 metri a Bivigliano, Camping Poggio degli Uccellini. Nel 2010 esegue un dipinto per il Tiro a segno Nazionale di Firenze che diviene il nuovo marchio ufficiale.
Le sue opere si trovano, oltre che in collezioni private e pubbliche, in vari musei: Museo d’Arte Contem-poranea di Arezzo, Civitella Val di Chiana, di Kielce, Krakow, Warsawa, Chanoviec in Polonia, presso la Regione Toscana e a Reggio Calabria presso il Telesia Museum di San Roberto.
Di lui hanno scritto: Ugo Barlozzetti, Stefano Benedetti, Giuse Benignetti, Luciano Bertacchini, Renzo Biason, Paolo Castellucci, Vittoria Corti, Romolo De Martino, Renzo Grazzini, Giovanni Faccenda, Mario Luzi, Corrado Marsan, Nicola Miceli, Sirio Midollini, Federico Napoli, Elvio Natali, Armando Nocentini, Nicola Nuti, Tommaso Paloscia, Dino Pasquali, Mario Portalupi, Gianni Pozzi, Domenico Pugliese, Giu-liano Serafini, Maurizio Vanni.

Un paesaggio solo per pochi, 2007 – tecnica mista su tela, cm 80×80
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento