Nato a Loja (Ecuador) nel 1956, vive e lavora a Seravezza (Lucca).
Ha studiato arte presso la Università Tecnica Particular di Loja, laureandosi nel 1980. Ha insegnato nella stessa università fino al 1989. Nel 1990 è stato chiamato a far parte del Frente Cultural Calicanto e nel 1994 è membro della sezione accademica di Arti Plastiche della casa della Cultura Ecuadoregna Benja-min Carriòn Quito. Le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private in tutta l’America Latina, in Europa, negli Usa e in Australia. Lavora ed espone periodicamente anche in Italia dove ha tenuto personali ed è stato presente in molte collettive: Pisa, San Giuliano Terme (Pisa), Seravezza (Lucca), Pietrasanta (Lucca), Marina di Pietrasanta (Lucca), Torino. Ha lavori grafici e pittorici presso l’Archivio del Comitato Gierut in Marina di Pietrasanta. è inserito in vari siti d’arte con pregevoli commenti critici. “Il nome di Sigifredo Camacho Briceno ci riporta ad un significato di qualità espressive, padronanza delle tecniche, instancabile ricerca condotta, con feconda espressione culturale, da un artista eclettico che ha saputo comunicare le istanze della nostra realtà osservandola ed interpretandola. Ha deciso di vivere accettando la sfida nel contesto della ricerca di quella identità artistica che ha raggiunto e consolidato. “Aprire strade e suggerire” è il suo scopo; per questo motivo, la trama dei suoi dipinti è immersa nel crogiolo della sua immaginazione magica, radicata nella sua personalità protagonista d’Arte e Cultura. Ispirato da argomenti convenzionali li rielabora in forma concettuale ed espressiva, cercando gli aspetti e i particolari che permettono di evadere dalla soffocante quotidianità attraverso una forte espressione individuale scolpita con cura e convinzione attraverso l’uso del colore in raffina-to ed espressivo dove troviamo, fondamentalmente un trattamento equilibrato delle risorse, luce e ombra, spazio e dimensione.

Testigo Milenario, 2007 – olio su tela, cm 70×70
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *