è nato a Frisa (Chieti) il 13 gennaio 1945.
Ha frequentato l’Istituto d’Arte di Lanciano e, Conseguito il diploma, si è trasferito a Firenze frequen-tando presso l’Accademia di Belle Arti la Scuola di Scultura diretta dal Maestro Antonio Berti e i corsi di pittura tenuti dal Maestro Primo Conti.
Nel 1970 ha frequentato l’Accademia Internazionale di Salisburgo in Austria, sotto la guida del Maestro Marcello Mascherini.
Ha quindi continuato ad approfondire le varie tecniche della scultura frequentando attivamente gli studi e i laboratori degli artisti che operavano a Firenze in quegli anni.
Nel corso della sua attività ha allestito oltre sessanta mostre personali di Scultura e partecipato a circa trecento rassegne internazionali. Dagli anni ’80 realizza opere di grandi dimensioni in marmo, pietra, acciaio vetro, collocate in spazi urbani di diverse città tra cui: Firenze, Torino, Teulada (Cagliari), Frisa (Chieti), Ari (Chieti), San Giovanni Rotondo (Foggia), Atessa (Chieti).
A San Salvo (Chieti), ha recentemente realizzato Forze Emergenti, una scultura-fontana di grandi di-mensioni in vetro e acciaio. Altri suoi lavori sono presenti in spazi pubblici delle città di Kichinda (Jugo-slavia), Carhaix (Francia), Woerden (Olanda), Maalot, Tarshiha (Israele), Sanpietroburgo (Russia), oltre che in collezioni private e in musei.
Della sua opera hanno scritto numerosi critici fra i quali Antonio Berti, Alberto Busignani, Vittoria Corti, Marco Fagioli, Renzo Federici, Enzo Ferroni, Antonio Frintino, Giuseppe Marchiori, Francesco Gurrieri, Corrado Marsan, Michelangelo Masciotta, Nicola Miceli, Ermanno Migliorini, Carlo Munari, Tommaso Paloscia, Pier Carlo Santini, Giorgio Segato, Marcello Venturoli.
Di Tommaso è membro dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, dell’Antica Compagnia del Pa-iolo di Firenze, della Società di Belle Arti Casa di Dante e del Gruppo Donatello sempre a Firenze.
È docente di Scultura presso l’Accademia di Belle Arti Fiorentina.

Progetto per scultura, 1981 – pastello su carta, cm 70×50
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento