Nata nel 1966 a Firenze dove vive e lavora.
Nel 1994 si è diplomata presso il Liceo Artistico di Firenze e si è iscritta alla facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Firenze, dove ha curato ed approfondito la storia medievale e moderna. Dal 1990 al 1999 ha lavorato per la Bottega d’Arte e Riproduzioni d’Autore di Foresto Marianini, a Firen-ze dipingendo copie d’autore con varie tecniche: olio, tempera, acquerello, china.
Nel 2004 ha aperto uno studio di pittura e si dedica a lavori di trompe l’oeil e decorazioni murali realiz-zati in famosi locali pubblici di Firenze come il ristorante Nerone, il vinaio Divino, Elettricità dei Fioren-tini, Piero Puliti e in varie abitazioni private.
Nel 2007 ha condotto corsi di disegno presso il Centro Anziani Il Fuligno.
Nel 2008 ha collaborato con l’Editore Vittorio Giudici come illustratrice di libri didattici. Nel 2009 ha organizzato un corso di disegno allo studio di Firenze.
Nel 2009 vince il primo Premio Giubbe Rosse per il centenario del Manifesto Futurista.
Nel 2010 ha fondato a Firenze l’Associazione Culturale Lascio il Segno, che promuove attività culturali e creative per adulti e bambini.
Ha continuato a lavorare su commissione con ritratti, copie d’autore e trompe l’oeil.
Nel suo studio, Elena Facchini dà vita ai suoi quadri, sono tele che l’autrice definisce “una rappresen-tazione del passato nel presente con la voglia di futuro”, vediamo macchie di colore con dentro i volti dei Grandi della storia: Petrarca, Dante, maternità dalla tenera posa del passato, con lo sguardo acuto contemporaneo, inseriti in una cornice geometrica che rappresenta lo schermo di un computer richia-mato anche dal simbolo del “play” posto alla fine del quadro. Elena parte dall’informale e nello sfondo inserisce il particolare, cosi ella unisce passato e futuro in una continuità temporale e concettuale che supera le barriere e crea il punto di incontro della condivisione artistica.

Madonna nera, 2009 – tecnica mista su carta, cm 100×70
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *