Nato a Modena nel 1930, all’età di 12 anni si trasferisce a Cremona dove tuttora vive e opera.
Nel 1946 si sposta in il Belgio poi in Sudamerica.
Nel 1952 approda in Amazzonia.
Qui pellegrinando nella grande foresta,a piedi nudi per tre mesi, per raggiungere un villaggio di Indios Ciama, diventa cercatore d’oro.

Le vicende lo portano a partecipare alla rivoluzione socialista in Bolivia.
Ritornato a Cremona, dopo una breve sosta, Garuti parte per l’Africa, nel 1969, dove rimane quattro anni nel Niger.
Inizia a dipingere, organizza mostre e diventa collezionista di sculture primitive.
Rientrato nuovamente a Cremona, svolge l’attività di restauratore e inizia lo studio della grande pittura del passato dalla quale trae ispirazione per le sue nuove opere e la sua rinnovata personalità artistica, contraddistinta dai connotati del poeta solitario in profonda meditazione nel silenzio del suo studio. Pittore Surrealista-simbolista di grande intensità, ha elaborato il suo mondo fantastico dove spazia la sua forte personalità. La formazione di restauratore appare evidente nelle grandi tele cosi’ sapientemente strutturate. Gli effetti sconcertanti delle differenti realtà dei piani figurali nelle sue composizioni coinvolgono lo spettatore in una dimensione atemporale. L’innesto del metodo narrativo completa l’evoluzione in atto nelle figurazioni che giungono, a volte, fino all’astrazione. Dalla sua vivida immaginazione risorgono mitici cavalieri antropomorfizzati con i loro cavalli, il tutto filtrato da un linguaggio personalissimo che ripercorre la nostra memoria storica: come in un sogno premonitore o in una visione enigmatica vediamo proiettarsi sulla tela immagini apocalittiche dove passato, presente e futuro paiono fondersi prospettando l’essenza della vita. Garuti ha racchiuso in se i valori piu’ alti dello spirito umano e li comunica proprio attraverso la sua arte che ci ricorda l’ambito degli interrogativi di Picabia o di Magritte o i giochi di ludica scomposizione saviniani.

Metamorfosi, 2009 – olio su tavola, cm 100×70
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento